Donazione / Rinnovo Tessera

Per il rinnovo quote associative e donazioni potete usare il conto corrente:

CARIPARMA filiale OLGIATE OLONA

Associazione PROGETTO NUOVA VITA

IBAN: IT 04 V 06230 50470 000046403167 

NB: indicare la causale

Pulsante PayPal

 

 

Benefici fiscali

La tua donazione gode di benefici fiscali!

Ricorda che lo Stato ripaga la tua generosità! Tutte le donazioni a Progetto Nuova Vita godono di benefici fiscali, devi solo scegliere se dedurre o detrarre l’importo donato.

Progetto Nuova Vita è una ONLUS - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ai sensi del D. Lgs. n. 460/97 – il privato o l’impresa che effettuano una donazione possono decidere liberamente il trattamento fiscale di cui beneficiare.

A seconda della normativa applicata alla donazione, le agevolazioni previste sono infatti differenti.

Sei una persona fisica? 
Hai due possibilità in base alla normativa applicata alle donazioni effettuate a favore delle ONLUS. Scegli se:

  • detrarre dall’imposta lorda il 26% dell’importo donato, fino ad un massimo di 30.000 euro (art.15, comma 1 lettera i-bis del D.P.R. 917/86);
  • dedurre dal tuo reddito le donazioni, in denaro o in natura, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e, comunque, nella misura massima di 70.000,00 euro annui (Decreto Legge 35/05 convertito in Legge n. 80 del 14/05/2005).

Sei un’impresa?

Allora puoi:

  • dedurre dal reddito le donazioni per un importo non superiore a 30.000,00 euro o al 2% del reddito d’impresa dichiarato (art.100, comma 2 lettera h del D.P.R. 917/86);
  • dedurre dal reddito le donazioni, in denaro o in natura, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000,00 euro annui (art. 14, comma 1 del D. L. 35/05 convertito in legge n. 80 del 14/05/2005).

Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, rivolgiti al tuo consulente di fiducia o al tuo CAF.
E non dimenticare di conservare:

  • la ricevuta di versamento, nel caso di donazione con bollettino postale;
  • l’estratto conto della carta di credito, per donazioni con carta di credito;
  • l’estratto conto del tuo conto corrente (bancario o postale), in caso di bonifico o RID.

N.B. Le agevolazioni fiscali non sono cumulabili tra di loro. Le donazioni in contante non rientrano in alcuna agevolazione.

integrazioni

  • Le nuove percentuali
    Lo prevede, per l’esattezza, l’articolo 15 della legge “Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e dei movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza e i controlli dei rendiconti dei medesimi. Delega al Governo per l’adozione di un testo unico delle leggi concernenti il finanziamento dei partiti e dei movimenti politici e per l’armonizzazione del regime relativo alle detrazioni fiscali”. Dall’attuale 19% si passa al 24% per l’anno 2013 e al 26% a decorrere dall’anno 2014.

L’aumento della quota detraibile vale «per le erogazioni liberali in denaro, per importo non superiore a 2.065 euro annui, a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, nei Paesi non appartenenti all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE)».

Le condizioni
La detrazione è consentita a condizione che il versamento di tali erogazioni sia eseguito tramite banca o ufficio postale ovvero mediante gli altri sistemi di pagamento previsti dall’articolo 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e secondo ulteriori modalità idonee a consentire all’Amministrazione finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli, che possono essere stabilite con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze da emanare ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400».

Tavola riassuntiva

ORGANIZZAZIONIBENEFICIARIE AGEVOLAZIONI FISCALI
Riferimenti normativi:ONLUS (Organizzazioni non lucrative di utilità sociale ) in alternativa, una delle seguenti

Persone Fisichea)   deducibilità, per le donazioni in denaro o in natura, nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, fino all’importo massimo di 70.000 € co. 1, art. 14 del D.L. n. 35/2005 e successive modificazioni (L. n. 80/2005)b)   detrazione dall’Irpef del 24% dell’erogazione per l’anno 2013 e del 26% a decorrere dell’anno 2014, calcolata    sul limite massimo di 2.065,83 eurolett. i bis, co. 1, art. 15 del D.P.R. n. 917/1986 Impresea)   deducibilità, per le donazioni in denaro o in natura, nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, fino all’importo massimo di 70.000 eur co. 1, art. 14 del D.L. n. 35/2005 e successive modificazioni (L. n. 80/2005)b)   deduzione  dall’Irpef del 2% del reddito d’impresa fino al limite massimo di 2.065,83 eurolett. i bis, co. 1, art. 15 del D.P.R. n. 917/1986

 

Modalità di erogazione: niente contante: Poiché un eventuale versamento in contanti della liberalità non renderebbe l’operazione sufficientemente certa e trasparente, l’erogazione deve essere effettuata, ai fini della deducibilità-detraibilità, tramite banca, ufficio postale o altri sistemi di pagamento, quali carte di debito, di credito e prepagate, assegni di conto corrente o circolari.

 

Cosa si deve fare per ottenere la detrazione?

Per ottenere il beneficio, occorre che le erogazioni liberali siano effettuate con versamento postale o bancario, assegni bancari e circolari o con carte di debito, carte prepagate e carte di credito.

Nell’ipotesi che il versamento sia effettuato con carte di credito, carte di debito o prepagate è necessario conservare l’estratto conto della società che gestisce la carta ed esibirlo in caso di eventuale richiesta dell’Amministrazione Finanziaria. Non sono invece detraibili le erogazioni liberali effettuate in contanti.

Inoltre, come viene precisato nella circolare ministeriale n. 11/E/2014 è necessario il rilascio, da parte della ONLUS della documentazione attestante la spettanza o meno della detrazione; se, nel corso del medesimo periodo d’imposta, sono state effettuate più erogazioni da parte del contribuente, la ONLUS può rilasciare un’unica attestazione che contiene il riepilogo annuale delle stesse; sarà comunque necessario indicare l’erogazione nelle scritture contabili.

Nell’ambito della dichiarazione dei redditi, la detrazione trova posto nei righi da E8 a E12 del modello 730/2016 e nei righi da RP8 a RP14 del modello Unico PF 2016, ed il codice da indicare nei righi dei modelli di dichiarazione è il codice ‘41’.